SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design

REGOLAMENTO

  1. La Fondazione PREMIOSWISSENGINEERINGTICINO istituisce un premio indirizzato a neodiplomati SUPSI Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.
  1. Il premio è attribuito alla conclusione dell’anno accademico ai/alle diplomati/e Bachelor SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design.

3    Il premio viene attribuito fra coloro che hanno ottenuto il diploma Bachelor SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design, anno accademico 2018/2019, fra i corsi di laurea in architettura – architettura d’interni – conservazione – ingegneria civile.

Ammontare del premio:

CHF. 1’000.-

Termine iscrizione lunedì 16 dicembre 2019.

La presentazione della tesi davanti alla giuria dovrà essere svolta con l’ausilio di slides da proiettare (modalità di presentazione specifiche verranno trasmesse ad ogni iscritto).

Durata massima della presentazione della tesi davanti alla giuria 10 minuti per candidato/a.

  1. I/le diplomati/e Bachelor SUPSI dei corsi di laurea sopraccitati interessati al premio dovranno inoltrare la propria candidatura compilando ed allegando quanto richiesto dal formulario ufficiale di iscrizione presente sul sito internet www.fondazionepremio.ch.
  1. La presentazione della tesi davanti alla giuria è prevista
  • venerdì 13 marzo 2020 – Sala Conferenze Azienda Agraria Cantonale di Mezzana – Coldrerio (convocazione personale verrà inviata ad ogni iscritto/a).

La cerimonia di consegna dei premi, dove ogni iscritto al PREMIO è obbligato a presenziare, l’eventuale assenza del vincitore/trice annulla l’assegnazione del premio, si svolgerà martedì 17 marzo 2020, con la presenza di diversi direttori delle scuole interessate e partner del premio, autorità e pubblico.

 

  1. La giuria è composta da:
  • 3 delegati designati dal Consiglio di Fondazione PREMIOSWISSENGINEERINGTICINO
  • 1 delegato designato dalla direzione SUPSI Dipartimento ambiente costruzioni e design.
  1. Il giudizio di merito della giuria è insindacabile.

 

il Consiglio di Fondazione

Lugano, giugno 2019